Create your own web pages in minutes...
Create your own web pages in minutes...
IQ1CQ - A.R.I. Acqui Terme (AL) - 1502
Chi Siamo

Dire chi siamo non è sicuramente semplice. Nel 90% dei casi la nostra attività lavorativa non ha nulla a che vedere con questo hobby. Abbiamo sicuramente in comune l'amore per tutto ciò che si trasmette o riceve nell'etere. Ognuno di noi utilizza radio e soprattutto sperimenta le radio trasmisioni in modo diverso. Già noi siamo sperimentatori, a volte anche un po pasticcioni e confusionari, ma alla fine arriviamo alla meta. Tra di noi ci sono tecnici ed ingegneri che sanno abilmente smontare e rimontare una radio ad occhi chiusi, ma c'è anche chi ha semplicemente la passione di schacciare un tasto e parlare in un microfono con il pensiero di poter arrivare, con la propria voce, ai confini del mondo e soprattutto ....... oltre !!!!
COME SI DIVENTA RADIOAMATORE

Per diventare radioamatore occorre essere autorizzato alla trasmissione, ovvero conseguire la cosiddetta "patente" e la successiva "autorizzazione generale".
Come ottenere questo? Occorre anzitutto acquisire un minimo di conoscenza della radiotecnica necessaria per ottenere la patente, che consente l'utilizzo di tutte le frequenze assegnate internazionalmente al Servizio di Amatore.
Ci si deve possibilmente familiarizzare con le abitudini dei radioamatori, e per farlo la cosa migliore è l'ascolto delle gamme radiantistiche.

Riferendoci alla normativa in vigore in Italia, se non si può ottenere subito l'autorizzazione generale (per esempio non avendo ancora compiuto 16 anni) è conveniente iniziare ad ascoltare i messaggi delle stazioni radioamatoriali e per fare ciò non occorre alcuna autorizzazione.
Le stazioni di ascolto (dette anche SWL: Short Wave Listener) se iscritte all'A.R.I. hanno anch'esse diritto alla spedizione gratuita delle cartoline di conferma (QSL) da e per tutto il mondo, tramite le numerose Sezioni dell'A.R.I. stessa e le associazioni degli altri Paesi. Per questo scopo l'A.R.I. assegna ai propri soci che ne fanno richiesta un nominativo di stazione di ascolto.

Per imparare il codice Morse (oggi non piu' obbligatorio in Italia al fine di conseguire la licenza, ma pur sempre un validissimo modo di comunicazione) è bene affidarsi ad un amico competente o ad una Sezione dell'A.R.I., molte delle quali organizzano sia corsi per aspiranti radioamatori, sia per la preparazione agli esami che per l'apprendimento del codice Morse.
Se però si abita in luogo isolato dove non ci sono radioamatori è possibile procurarsi, con poca spesa, lezioni Morse registrate su nastro o utilizzare uno dei molti software per PC disponibili. La radiotecnica si può imparare su qualsiasi libro, ma i più adatti sono quelli scritti appositamente per radioamatori; anche in questo caso l'A.R.I. può essere di aiuto, vedere la pagina delle pubblicazioni Ediradio.

Per qualsiasi informazione relativa all'iscrizione all'A.R.I. siete invitati a contattare la Segreteria Generale. 
PREPARAZIONE AGLI ESAMI

Molte sezioni A.R.I. organizzano periodicamente corsi per la preparazione all'esame e per l'apprendimento della telegrafia (codice Morse), destinati principalmente ad aspiranti radioamatori.
I corsi si svolgono generalmente presso i locali delle sezioni A.R.I. e sono aperti a tutti e normalmente gratuiti. I materiali didattici sono raccomandati e/o forniti dagli organizzatori dei corsi.
Per accedere alle sessioni di esame non e' indispensabile alcun titolo di studio, e' sufficiente inviare nei tempi stabiliti l'apposita domanda di ammissione.

Corsi di teoria:
Lo scopo dei corsi di teoria e' quello di preparare gli aspiranti radioamatori al superamento dell'esame (scritto). L'obiettivo e' quindi quello di fornire una conoscenza di base dei fenomeni radioelettrici, delle norme legislative che regolano le radiocomunicazioni e il Servizio di Radioamatore, nonche' le norme perative di base che un radioamatore deve conoscere.
Per partecipare ai corsi non e' necessario alcun requisito particolare. Gli argomenti vengono spiegati in modo semplice e comprensivo, in quanto il corso e' progettato per persone che non hanno alcuna conoscenza della materia. Cio' che occorre e' un po’ di impegno e passione.  Chiunque seguendo seriamente i corsi organizzati dalle sezioni A.R.I. sara' in grado di superare l'esame di teoria.

Corsi di telegrafia (codice Morse):  
Premesso che non è più necessario ai fini del conseguimento della patente di radiooperatore conoscere anche il morse, l'obiettivo di tali corsi e' quello di insegnare a ricevere e trasmettere in telegrafia (codice Morse) alla velocita' di almeno 25 caratteri al minuto (lettere e cifre). Si inizia generalmente con esercizi a velocita' piuttosto bassa per poi accelerare gradualmente. Anche i caratteri saranno insegnati in modo graduale.
Per frequentare i corsi di telegrafia non sono richieste particolari doti e chiunque puo' raggiungere l'obiettivo. Come sempre occorrono solo impegno e passione.
Ricordiamo che gli esami di telegrafia non sono piu' necessari per ottenere una licenza da radioamatore in Italia; tuttavia la telegrafia (CW) resta un validissimo modo di comunicazione via radio, specie per collegamenti a lunga distanza (DX) o in condizioni di rumore.

La telegrafia costituisce inoltre un aspetto importante del bagaglio culturale e storico dei radioamatori, nonche' una sorta di "linguaggio universale" utilissimo per collegamenti internazionali.

PATENTE DI OPERATORE

Riassumendo le disposizioni contenute nei Decreti che disciplinano in Italia l'attività radiantistica, ecco come occorre procedere per ottenere la patente di operatore, primo passo per ottenere poi l'autorizzazione generale.
La patente è indispensabile in quanto abilita all'esercizio di una stazione radiantistica (in pratica come la patente automobilistica abilita alla guida di un automezzo), ma non autorizza ancora chi ne è titolare a possedere una propria stazione, per la quale occorre prima ottenere il rilascio del nominativo, ossia la sigla che identifica internazionalmente la stazione e quindi l'autorizzazione generale.
Oggi in Italia esiste un unico tipo di patente, che a livello internazionale è riconosciuta dalla CEPT (Conferenza Europea Poste e Telecomunicazioni) come "classe 1", per cui chi ne è in possesso può operare in tutti gli Stati riconosciuti dalla CEPT senza grosse formalità. Per conseguire la patente occorre sostenere la prova teorica scritta per dimostrare di conoscere la materia.
Chi ottiene la patente può operare su tutte le bande di frequenza assegnate al Servizio di Amatore.
Gli Organi periferici del Ministero delle Comunicazioni, ossia gli Ispettorati Territoriali, indicono ogni anno una o due sessioni di esami per il conseguimento della patente.
La domanda di ammissione agli esami, stilata secondo il fac-simile riportato più avanti, deve essere indirizzata al Ministero delle Comunicazioni, Ispettorato Territoriale competente per territorio sulla località dove il richiedente è domiciliato.
Poiché alcuni Ispettorati Territoriali estendono la loro competenza su due Regioni, nel caso sussista incertezza, potranno essere richieste preventivamente informazioni presso gli Ispettorati stessi o presso la Sezione A.R.I. del luogo di residenza.

Il termine utile per la presentazione delle domande per gli esami della sessione primaverile è il 30 aprile; quello della sessione autunnale è invece il 30 settembre di ogni anno. Nessun limite di età è prescritto per il conseguimento della patente.
L'esame per il conseguimento della patente di operatore di stazione di radioamatore consiste in una prova scritta di radiotecnica (presso taluni Ispettorati avviene sotto forma di quiz) secondo il programma compreso nel D.P.R. 5 agosto 1966 ­ n° 1214, Della Commissione esaminatrice fa sempre parte un rappresentante dell'A.R.I.


MODULISTICA

La domanda d'esame (da redigere in carta legale)

Al Ministero delle Comunicazioni ­ Ispettorato Territoriale della Regione.....................................................................

Il sottoscritto ....................................................nato a...........................................................

il..............................e residente in Via.............................................................Cap................

Città............................................. Prov.............,

al fine di ottenere la patente di operatore di stazione di radioamatore di livello A (ordinaria),

chiede

di essere ammesso alla prossima sessione di esami che si terranno presso codesto Ispettorato ed allega alla presente domanda:

a) due fotografie di cui una legalizzata
b) una marca da bollo da Euro...................
c) autocertificazione di nascita, residenza e cittadinanza.
d) attestato di versamento di Euro...................sul c.c. postale n°...................

In attesa di conoscere la data degli esami, si porgono distinti saluti.


Data.......................................................... Firma....................................................................


N.B. Attualmente la carta legale e la marca da bollo sono del valore di Euro 10,33.

E' in fase di approvazione un nuovo regolamento che deve stabilire il nuovo importo da versare per sostenere le prove di esame, per cui occorre informarsi prima di effettuare il versamento.




--------------------------------------------------------------------------------


Una volta superato l'esame è necessario presentare domanda per ottenere il nominativo da utilizzare nell'esercizio dell'attività radioamatoriale.


La richiesta di nominativo (da redigere su carta legale)

Al Ministero delle Comunicazione ­ Ispettorato Territoriale per la Regione.....................................................................

Il sottoscritto............................................................ nato a ..................................................

il....................domiciliato in Via............................................................. n°...........................

Cap. .................................. Città.................................................................... Prov..........,

essendo in possesso di patente ordinaria (classe A o livello 1  CEPT) / speciale (classe B o

livello 2 CEPT) numero.................................., rilasciata dall'Ispettorato Territoriale della Regione

.......................................................................in data............................

chiede

che gli venga rilasciato il nominativo di stazione di radioamatore per poter accedere all'autorizzazione generale di classe A / di classe B.

Si allegano alla presente i seguenti documenti:

a) autocertificazione di nascita, residenza e cittadinanza.
 
b) fotocopia della patente ordinaria / speciale.
In attesa, porge distinti saluti.


Data..................................................................... Firma.....................................................................

Per conseguire l'autorizzazione generale per l'impianto e l'esercizio di stazione di radioamatore, l'interessato deve presentare, entro trenta giorni dalla data di assegnazione del nominativo, la Dichiarazione di inizio attività.


Dichiarazione di inizio attività per acquisizione di autorizzazione generale (da presentarsi in carta libera)

Al Ministero delle Comunicazioni ­ Ispettorato Territoriale per la Regione.

Il sottoscritto..................................................................... nato a.......................................

il ............................., domiciliato in Via ................................................................n°..........

Cap............ Città........................ Prov............., ai fini del conseguimento dell'autorizzazione

generale di cui all'art. 5 del D.P.R. 447 del 5/10/2001

dichiara

di voler installare ed esercire una stazione di radioamatore
che la stazione radioelettrica è ubicata ....................................................
che la stazione presenta le seguenti caratteristiche (elenco delle apparecchiature in dotazione)
e si impegna

- ad attendere quattro settimane dalla data di produzione della presente dichiarazione prima di iniziare l'attività
- a comunicare tempestivamente ogni modifica al contenuto della presente dichiarazione.
- a rispettare ogni norma in materia di sicurezza, di protezione ambientale, di salute pubblica ed urbanistica
- a versare il contributo annuo per l'attività di vigilanza e controllo da parte del Ministero delle Comunicazioni
- ad osservare in ogni caso le disposizioni previste dal D.P.R. 5 ottobre 2001 n°447.
Allega alla presente dichiarazione i seguenti documenti:

a) gli attestati di versamento del contributo a titolo di rimborso delle spese riguardanti l'istruttoria amministrativa e del contributo per verifiche e controlli relativo al primo anno dal quale decorre l'autorizzazione generale.
b) la copia della patente di operatore
c) il nominativo acquisito.
d) la dichiarazione di consenso e responsabilità per i minorenni non emancipati.

Data..................................................................... Firma.....................................................................


--------------------------------------------------------------------------------

Dopo questa ultima formalità, qualora il Ministero non comunichi all'interessato un provvedimento negativo entro quattro settimane dalla data di ricezione della dichiarazione, l'interessato può finalmente iniziare l'attività, entrando così nel meraviglioso mondo della radio.


--------------------------------------------------------------------------------


La documentazione di cui sopra è tratta dal sito ufficiale dell'A.R.I.